Vai menu di sezione

Il teleriscaldamento

Il teleriscaldamento è una forma di riscaldamento che consiste essenzialmente nella distribuzione, attraverso una rete di tubazioni isolate e interrate, di acqua calda, (detti fluidi termovettori), proveniente da una grossa centrale di produzione, alle abitazioni con successivo ritorno dei suddetti alla stessa centrale.

Il calore nel nostro caso è prodotto in una centrale di cogenerazione principalmente a biomasse ed integrata gas naturale.

Il fluido termovettore più utilizzato è l'acqua, che solitamente viene inviata a circa 90 °C e ritorna in centrale a 50-60 °C. La temperatura di ritorno dipende dal tipo di terminali di riscaldamento dei destinatari, poiché il salto termico che si verifica in ogni utenza è differente.

A destinazione il fluido termovettore riscalda, attraverso uno scambiatore di calore (generalmente a piastre), l'acqua dell'impianto di riscaldamento della abitazione. Lo scambiatore, che in pratica sostituisce la caldaia o le caldaie, può produrre anche acqua calda sanitaria.

Studi condotti dimostrano che le perdite energetiche in rete sono di circa il 10% sul totale prodotto.

Vantaggi

14 Agosto 2018

Quali sono i vantaggi del teleriscaldamento

Pubblicato il: Domenica, 12 Agosto 2018 - Ultima modifica: Venerdì, 17 Agosto 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto